Modificato il Regolamento Cosmetico (CE) 1223/2009

Dal 4 aprile 2024 entrerà in vigore il Regolamento 2024/858 redatto dalla Commissione Europea che, rivalutando l’impiego di determinati nanomateriali, introduce modifiche al Regolamento 1223/2009. La decisione è motivata dalle richieste espresse dal Comitato Scientifico per la Sicurezza dei Consumatori (CSSC). È stato quindi riconosciuto che, l’uso di specifici nanomateriali, può comportare potenziali rischi per la salute umana.

Cosa comprende l’aggiornamento

L’allegato II del Regolamento 1223/2009, che comprende le sostanze vietate nei prodotti cosmetici, aggiunge i 12 nanomateriali seguenti:

  • Styrene/Acrylates copolymer (nano)
  • Sodium Styrene/Acrylates copolymer (nano)
  • Copper (nano)
  • Colloidal Copper (nano)
  • Colloidal Silver (nano)
  • Gold (nano)
  • Colloidal Gold (nano)
  • Gold Thioethylamino Hyaluronic Acid (nano)
  • Acetyl heptapeptide-9 Colloidal gold (nano)
  • Platinum (nano)
  • Colloidal Platinum (nano)
  • Acetyl tetrapeptide-17 Colloidal Platinum (nano).

Lo stesso regolamento, inoltre, aggiunge la nanoforma dell’Idrossiapatite all’allegato III del regolamento cosmetico, introducendo delle restrizioni all’uso.

Impatto sulle aziende

L’aggiunta dei 12 nanomateriali ritenuti pericolosi per la salute, in sintesi, modifica l’elenco delle sostanze vietate nei prodotti cosmetici, con la conseguente necessità di un riesame di tutte le formule che contengono i nanomateriali, la riedizione di nuova documentazione e l’invio della stessa ai Clienti.

È quindi immaginabile che tutto questo comporterà un lavoro mandatorio e gravoso per l’Ufficio Regolatorio di ciascuna azienda produttrice.

Perché Chemilla® può aiutare?

La complessità nella gestione della Compliance Normativa, il costo in termini di tempo, energie e finanze, è ben noto a chi opera nel settore e il Team di Chemilla®, conoscendo perfettamente tutte le dinamiche, ha già rilasciato tutti gli aggiornamenti in linea con le nuove normative Europee, semplificando così il lavoro di tutti i loro Clienti (in anticipo sui tempi previsti, ndr).

Chemilla®, offre un supporto indispensabile in tutti questi processi; un esempio per tutti è il fatto che, dialogando direttamente con ECHA, assegna il codice UFI ai prodotti, verifica l’UFI delle MiM e notifica i dossier PCN al Centro Antiveleni Europeo, permettendo perciò di essere costantemente allineati con tutte le normative previste dai regolamenti internazionali per una conformità globale e sicura.

Con la sua tempestiva efficienza, Chemilla® può certamente essere annoverato tra i software in Cloud più all’avanguardia sul mercato e credo che meriti un approfondimento!

e. n.

#Chemilla – 02 69001996

Per approfondire

Grazie per averci scritto!

Verrai contattato al più presto da un membro del nostro team all’indirizzo e-mail da te indicato.